sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 

nel WEB


On line world robot fair:
una fiera on line per la robotica


 
   
 

A cura di Federico Pedrocchi

Attenzione: la fiera è su Moebius!
Certo, ci sono dei meeting, qua e là, nel mondo, nei quali si radunano robot e i loro costruttori. Ma questa fiera di cui parliamo noi è su Moebius. Vogliamo creare un grande spazio, sul nostro sito, dedicato a tutto quello che si può trovare in rete sui robot. No, non tutto, ci correggiamo subito: vogliamo raccogliere le cose migliori. E ci aggiungeremo anche i link a interviste e servizi che noi faremo.
Bene, iniziamo. Va da sé che queste pagine saranno continuamente aggiornate e arricchite.

Una scimmia muove un "suo" braccio robotico

Progettato dal Motorlab della univesrità di Pittsburg (US), il braccio robotico applicato a una scimmia funziona tramite un chip che è inserito nel cervello dell'animale ed è collegato alla protesi. Come si vede nel filmato, la scimmia è in grado di imparare a muovere il braccio e la mano per portare alla bocca del cibo. E' questa la strada che si cerca oggi di percorrere nel progettare delle protesi in grado di reagire automaticamente. Ovvero: la protesi non si muove prché il soggetto decide di muoverla; la protesi si muove perché il soggetto, come avviene in questo filmato, decide di prendere del cibo e portarselo alla bocca. La differenza, come si capirà, è fondamentale.

Murata Boy, il robot che va in bicicletta
NAsce come progetto rivolto alla produzione di giochi meccanici evoluti, e in questi direzione l'azienda giapponese Murata Manufacturing si è mossa. Però si tratta, a tutti gli effetti, di un sofisticato robot in grado di cavalcare una bicicletta, evitando ostacoli, muoversi su percorsi curvi ed anche su percorsi molto stretti, come ad esempio una sbarra più stretta di quelle utilizzate nella ginnastica a corpo libero.
Nel filmato tutto questo si vede bene (anche se accompagnato da un brano swing americano!). L'eccezionale capacità di Murata Boy di mantenersi in equilibrio, si realizza attraverso la funzione integrata svolta da diversi sensori giroscopici. Sorprendente è la stabilità verticale del robot. Infatti, ogni pendenza a destra o a sinistra, è immediatamente corretta da un dispositivo, interno al corpo del robot, che porta dei pesi sul lato opposto.

Camminare ... con tre gambe

Strider, è il nome, un acronimo che signifca Self-excited Tripedal Dynamic Experimental Robot. In breve: è un progetto che ha come obbiettivo lo studio di una movimentazione con tre gambe. Ci si lavora al Politecnio della Virginia, il Virginia Tech, uno dei centri più importanti, a livello mondiale, per la robotica. Nel filmato si vede una rappresentazione animata di come dovrebbe essere la camminata di un "tripodico". Si inizia con un estratto da un film della serie star-wars e si dice subito che un robot a tre piedi non camminerà in quel modo. Dopodiché l'animazione fa vedere come staranno le cose, e si capiscono perfettamente i notevoli vantaggi della differenza. Un robot con queste caratteristiche potrebbe muoversi con grande agilità e duttilità sulla superficie di un pianeta.
Al momento, tuttavia, i problemi di equilibrio e di movimentazione non sono ancora stati risolti. Alla fine del filmato si vede un primo semplice tentativo.

Il problema dei gradi di libertà

Il corpo umano è capace di utilizzare le proprie articolazioni (polsi, caviglie, ginocchia, ecc.) con grande efficienza. I robot, al momento, sono lontani da questi livelli. La differenza potrebbe sembrare non eccessiva, potenzialmente, vista l'estrema mobilità, per esempio, di un braccio robotico che spruzza vernice. Il fatto è che l'efficienza umana si manifesta nella capacità di produrre e controllare piccoli e continui cambiamenti di posizione, aggiustamenti, distribuzione delle forze da un arto all'altro. Forse per vedere quanto riesca a fare un corpo umano si può dare un'occhiata a questo filmato di una gara di break dance. Lasciate stare il primo concorrente e guardatevi il secondo, quello con il golfino rossiccio.

 
(1 di 7)


 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
[an error occurred while processing this directive]
SOMMARIO

 

La scimmia e il braccio robotico
Il robot che va in bici
Camminare con tre gambe
I gradi di libertà
Muoversi in verticale
Cane Robot
Robot anfibio
Macchine parlanti
RunBot
Robot che sa fermarsi
Robot con talenti sociali
Orsacchiotto Robot
Robot giardiniere
Domo tutto-fare
Fatto di cubi
Salamandra robot
Robot autoassemblanti
Sciami di robot
Robot che chattano
Robot che vede come gli umani

Moebius è andato sulla Luna!


Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS