sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Lava del Vesuvio per i Fori imperiali


 
  il foro di Traiano  
 

a cura di Federico Pedrocchi, Chiara Albicocco e Alberto Agliotti

 

Per costruire le volte dei Fori imperiali i Romani usarono pietre vulcaniche del Vesuvio. Lo ha scoperto un gruppo di ricerca dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), che ha analizzato campioni di malta prelevati dal Foro di Cesare e dal Foro di Traiano. "Nella costruzione di volte e solai servono strutture leggere, per scongiurare il rischio di crolli" spiega Fabrizio Marra, geologo e primo firmatario della ricerca. "A questo scopo sono particolarmente adatte le pietre vulcaniche, porose e facilmente disgregabili, da cui si ricavano sabbie granulari che, mescolate alla calce, permettono di ottenere malte e calcestruzzi leggeri e al tempo stesso resistenti."
Gli ingegneri romani in età repubblicana sfruttavano i depositi vulcanici laziali dei colli Albani e dei monti Sibillini, antichi vulcani estinti. Nei Fori di Cesare e Traiano questi materiali sono sostituiti da pomici e pietre laviche del Vesuvio, più porose e leggere. Secondo i ricercatori è probabile che la tecnica costruttiva sia nata proprio in Campania e che i Romani l'abbiano importata insieme ai materiali e forse alle maestranze.
Ma come avveniva il trasporto? "Pompei aveva un porto fluviale collegato intensamente con Pozzuoli, vero porto commerciale di Roma. Da Pozzuoli i carichi raggiungevano Ostia e da qui risalivano il Tevere fino a Roma a bordo delle navi caudicarie, speciali chiatte trainate da muli".
Il sospetto che nelle malte dei Fori ci fossero materiali non locali era già sorto in passato, anche sulla base dei testi di Vitruvio, architetto della Roma imperiale, che parla di pumex pompeianus. Oggi è arrivata la prova, grazie a un'analisi geochimica che permette valutazioni molto precise, impensabili fino a una decina di anni fa.

 

Ascolta l'intervista a Fabrizio Marra

Scarica il file audio in mp3

 

13.02.2013

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS