sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Ventimila leghe sotto i mari
    Alessandro Isidoro Re ha intervistato Tiziana Sgroi, oceanografa e ricercatrice dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia: sul blog di Moebius il servizio che mostra il nuovo progetto Seismofaults
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Leggi razziali e cattiva scienza


 
   
 

a cura di Federico Pedrocchi, Chiara Albicocco e Alberto Agliotti

 

Una caratteristica del razzismo è quella di inventare e diffondere una storia, una tradizione, per legittimare obiettivi politici e ideologici e costruire consenso. Alle leggi razziali si volle dare una base scientifica, in un periodo in cui la questione era controversa: il concetto di razza non era ancora del tutto superato, ma la genetica di popolazione lo stava smantellando.
Il manifesto della razza, noto anche come Manifesto degli scienziati razzisti, appare per la prima volta il 14 luglio del 1938 in un articolo sul Giornale d'Italia, dal titolo Il fascismo e il problema della razza. Il documento è la versione finale di un progetto avviato a gennaio dello stesso anno da un giovane assistente di antropologia dell'Università di Roma, Guido Landra, su incarico di Mussolini. La stesura definitiva avviene sotto il controllo diretto del duce, in collaborazione con alcune figure di secondo piano della scienza italiana. I nomi più illustri aderirono al manifesto soltanto più tardi.
Ne abbiamo parlato con Francesco Cassata, ordinario di Storia all'Università di Genova e autore del volume La difesa della razza, edizioni Einaudi.

 

Ascolta l'intervista a Francesco Cassata

Scarica il file audio in mp3

 

29.01.2013

Ecco i dieci punti del "Manifesto degli scienziati razzisti"

  1. Le razze umane esistono. L'esistenza delle razze umane corrisponde a una realtà fenomenica, materiale, percepibile con i nostri sensi.
  2. Esistono grandi razze e piccole razze.
  3. Il concetto di razza è puramente biologico. Alla base delle differenze di popolo e nazione stanno delle differenze di razza
  4. La popolazione dell'Italia attuale è di origine ariana e la sua civiltà è ariana.
  5. Per l'Italia la composizione razziale di oggi è la stessa di quella che era mille anni fa. Dopo i Longobardi non ci sono stati altri notevoli movimenti di popolo capaci di influenzare la fisionomia razziale della nazione.
  6. Esiste ormai una pura "razza italiana". Questa antica purezza di sangue è il più grande titolo di nobiltà della nazione italiana.
  7. È tempo che gli italiani si proclamino francamente razzisti.
  8. È necessario fare una netta distinzione tra i Mediterranei d'Europa da una parte, gli orientali e gli africani dall'altra. Sono da considerarsi pericolose le teorie che sostengono l'origine africana di alcuni popoli europei.
  9. Gli ebrei non appartengono alla razza italiana.
  10. I caratteri fisici e psicologici degli italiani non devono essere alterati in nessun modo.

 

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS