sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Microchip per cani


 
   
 

a cura di Federico Pedrocchi, Chiara Albicocco e Alberto Agliotti

 

Domanda di Franca

Sono un medico veterinario. Da qualche anno mettiamo sottocute ai cani un microchip che contiene un codice a barre che si legge con un lettore a pile e corrisponde a un numero di identificazione. Ma come funziona? Grazie, mi dispiace molto usare qualcosa senza avere idea di come funziona. Complimenti per la trasmissione, Franca


Risponde Maria Grazia Cappai, medico veterinario, ricercatore e docente presso l'Università di Sassari.

Una volta c'era la medaglietta, poi è arrivato il tatuaggio: una carta d'identità del cane con i dati dell'animale e del suo proprietario, per consentire l'identificazione certa in caso di smarrimento e scoraggiare gli abbandoni. Dal 2005 il microchip è l'unico sistema riconosciuto per l'iscrizione - obbligatoria - all'anagrafe canina.
Il nome tecnico è transponder e il principio di funzionamento è quello delle etichette antitaccheggio dei supermercati, che fanno scattare l'allarme alla cassa se non sono disattivate. Sotto la pelle dell'animale viene inserita una capsula in vetro di quarzo biocompatibile, che contiene un microchip con i dati anagrafici e un circuito che funge da antenna. Il sistema non ha bisogno di batterie per l'alimentazione e per questo si dice passivo. Per azionarlo si avvicina all'animale un apposito lettore, che emette onde radio a una particolare frequenza. Le onde forniscono l'alimentazione all'antenna, che invia i dati contenuti nel microchip. Per poter attraversare i liquidi della pelle, le onde sono a bassa frequenza.
Il dispositivo usato per i cani è un cilindro di circa un centimetro di lunghezza per due millimetri di diametro, e viene inserito attraverso un'iniezione con una siringa speciale. Anche se di fatto è una piccola operazione chirurgica e servono tutte le precauzioni del caso - rasatura e disinfezione - la pratica non è dolorosa e non richiede anestesia.
A breve l'obbligo di denuncia e identificazione si estenderà ai gatti con la creazione di un registro dedicato.

 

Ascolta la risposta di Maria Grazia Cappai

Scarica il file audio in mp3

 

Torna alle domande

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS