sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Aliti caldi e soffi freddi?


 
   
 

a cura di Federico Pedrocchi, Chiara Albicocco,
Alberto Agliotti e Ilaria Canobbio

 

Domanda di Luca

Sono ormai quasi 5 anni che provo a risolvere questa domanda senza successo, chiedendo a esperti della fisiologia umana o facendo appello alle poche conoscenze della fisica che possiedo, cercando su Google o consultando enciclopedie. Ma ora che vi ho trovato mi sembrate un'ancora di salvezza. Formulata dalla mia prof di filosofia la domanda era: "Come mai quando sulla tua mano soffi l'aria è fredda e quando invece aliti è calda?"


Risposta di Emiliano Ricci, fisico e divulgatore scientifico.

L'aria che esce dalla nostra bocca, sia alitando che soffiando, è calda, perché ha attraversato i polmoni nel ciclo della respirazione. Magari non fa in tempo a raggiungere i 36° del nostro corpo, ma comunque è più calda dell'ambiente circostante.
Alitando, il flusso è lento e l'aria che emettiamo va a sostituire quella più fredda attorno alle nostre mani, che così si scaldano.
Quando soffiamo, invece, il getto sposta l'aria a diretto contatto della pelle - aria che comunque le mani scaldano un po' - favorendo l'afflusso di aria più fredda dall'ambiente circostante.
Soffiando, inoltre, agevoliamo l'evaporazione dell'acqua dalla nostra pelle: l'evaporazione assorbe energia, facendoci sentire freddo. Quando alitiamo, invece, il vapore acqueo che espelliamo insieme all'aria impedisce l'evaporazione dalla pelle, e la sensazione di calore aumenta.
È il motivo per cui in meteorologia si distingue tra temperatura effettiva e temperatura percepita, che dipende dall'umidità dell'aria. Ed è lo stesso principio grazie al quale soffiando sulla tazza del tè lo raffreddiamo. In questo caso, però, non si parla di temperatura percepita. A meno di non chiedere al tè.

 

Ascolta la risposta di Emiliano Ricci

Scarica il file audio in mp3

 

Torna alle domande impossibili

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS