I servizi e le interviste
di Moebius


Correre a piedi nudi: è naturale!


 
   
 

a cura di Mariachiara Albicocco

ASCOLTA IL SERVIZIO



Scarica il file audio in mp3

Già nel 1960 Abebe Bikila ci aveva visto lungo… aveva ottenuto la medaglia d'oro ai Giochi Olimpici di Roma alla maratona correndo a piedi nudi. Perché le scarpe che gli erano state fornite dalla federazione il giorno prima erano scomode. E forse anche i podisti della tradizionale corsa a piedi nudi di 'Serra S. Giacomo', che si tiene ogni ultima domenica di agosto in un piccolo comune del salernitano, la sanno lunga. Infatti i partecipanti caracollano, letteralmente, giù dal monte che sovrasta la cittadina, a piedi nudi, in onore di S. Sebastiano protettore del paese.

La scienza da ragione a questi arditi corridori. Noi siamo evolutivamente "fatti" per correre a piedi nudi. Un recente studio, firmato da Daniel Lieberman della Harvard University e pubblicato su Nature, dimostra che correre scalzi riduce i rischi di infortuni.
Lo studio si è svolto, confrontando la corsa di tre gruppi di individui, americani e kenioti: quelli che hanno sempre corso scalzi, quelli che hanno sempre usato le scarpe e quelli che sono passati dalla corsa con scarpe alla corsa a piedi nudi. E questi sono i risultati: quando noi indossiamo le scarpe da ginnastica, tendiamo ad appoggiamo a terra prima il tallone e poi la punta. Se le togliamo invece, le prime a poggiarsi sul terreno sono le dita dei piedi. In questo modo si riduce l'urto con il terreno e a sua volta la possibilità di andare incontro a distorsioni e infortuni.
Ovviamente, durante una corsa, il momento più delicato per le ossa, i muscoli e articolazioni è quando il piede tocca terra. Chi si allena frequentemente e sulle lunghe distanze riceve continue sollecitazioni, pari 3 volte il peso del corpo, che si ripercuotono nel corpo e possono causare conseguenze poco piacevoli sulle articolazioni, ad esempio talloniti e tendiniti. Proprio per questo le moderne scarpe da corsa, inventate negli anni settanta, sono costruite con materiali elastici che servono ad assorbire parte della forza di reazione, ma allo stesso tempo impongono una posizione innaturale del piede, come dimostra la ricerca di Lieberman.
Non mancano nella ricerca le considerazioni dal punto di vista evolutivo. Infatti homo sapiens ha piedi più arcuati e quindi più adatti alla corsa rispetto agli australopiteci. Ciò dimostra un adattamento naturale del piede dei nostri antenati.
Pensandoci bene, tutti gli altri animali si muovono con ciò che Madre Natura ha fornito loro. Ancora oggi alcune popolazioni tribali che vivono a stretto contatto con la natura camminano e cacciano a piedi nudi.
Detto questo, aspettate a buttare le vostre vecchie scarpe da tennis, a denudare i vostri piedi e a scendere in strada!! Nell'esperimento gli atleti correvano in palestra sui tapis roulant. Nulla si dice nell'articolo del pericolo di beccare una buca sull'asfalto, i sassolini del parco o qualcosa sul marciapiede che qui sarebbe brutto menzionare...

Per saperne di più: www.barefootrunning.fas.harvard.edu

06.02.10

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS