sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Il cervello del tennista


 
 
 
 

a cura di Federico Pedrocchi, Chiara Albicocco e Alberto Agliotti

Rafael Nadal ha vinto per la settima volta gli Internazionali di tennis di Roma. Il suo rivale di sempre, Roger Federer, stavolta non è riuscito a tenere testa alla potenza e alla precisione dei colpi dell'avversario. E dire che Federer è celebre anche per il suo istinto e la capacità di recuperare palline a cui altri rinuncerebbero. Ma qual è il segreto della prontezza di riflessi di un tennista e di un atleta in generale? È solo questione di allenamento o anche di cervello?

"È un allenamento del cervello" spiega il neuroscienziato Massimo Turatto, vicedirettore del Centro Mente e Cervello dell'Università di Trento. "Siamo affascinati da questi campioni con capacità straordinarie, e in effetti il loro cervello mostra abilità straordinarie. Non vuol dire però dire che abbiano un cervello straordinario, ma piuttosto che hanno sviluppato alcune abilità."

Significa che tutti possiamo arrivare allo stesso livello? No, alla base c'è comunque un patrimonio genetico che ha dotato alcune persone di capacità particolari. L'allenamento a cui si sottopongono — diverse ore ogni giorno a ripetere gli stessi gesti — affina queste doti e permette di raggiungere prestazioni fuori dal comune. Ad esempio, riuscire a intercettare una palla che viaggia oltre i duecento chilometri orari, come nei servizi di Nadal. "In realtà il problema si pone anche con velocità molto più basse È lo stesso che affrontiamo nella vita di tutti i giorni, quando qualcuno ci lancia un oggetto da prendere al volo, una mela o un mazzo di chiavi."

Quando l'oggetto parte, l'informazione deve raggiungere gli occhi, quindi il cervello, che impiega un certo tempo per processarla. Durante questo tempo, per breve che sia, l'oggetto si sarà spostato più avanti. Se reagisse solo in base all'analisi istante per istante, il cervello sarebbe sempre in ritardo. La soluzione è prevedere la traiettoria. Nel caso dei tennisti, questo vuol dire interpretare il movimento dell'avversario e trovare qualcosa — la postura del corpo, l'inclinazione della racchetta, la velocità del gesto — che dica al cervello dove sarà la palla mezzo secondo dopo.

Il problema è analogo anche in sport come la Formula Uno, dove non è la palla a muoversi, ma gli altri piloti. O ancora nelle gare con partenza dai blocchi: non si tratta di affrontare un oggetto in movimento, ma di percepire e reagire a un suono, lo sparo dello starter. L'atleta cerca di allenare da un punto di vista motorio la reazione, c'è una interazione tra la predisposizione genetica a avere fibre muscolari più rapide e potenti nel contrarsi per staccarsi più velocemente dai blocchi e un cervello che prevede quando arriverà il segnale.

Da oltre sessanta anni gli scienziati si interessano alle abilità cognitive degli atleti, così come ai deficit delle persone. "Per capire come funziona la mente si va a vedere sia quanto fallisce sia quando mostra abilità eccezionali."

Ascolta l'intervista a Massimo Turatto

Scarica il file audio in formato mp3

 

6.5.2013

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS