sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


2000 kilometri con un litro


 
 

Why Not: il veicolo del Politecnico di Milano che detiene il record italiano con 1931Km/l
 
 

2000 kilometri con un litro di benzina (1931, per la precisione) valgono il decimo posto. I primi ne hanno fatti più di 3400. Parliamo di una competizione automobilistica molto inconsueta, in cui vince chi consuma meno: la Shell Eco Marathon.
L'ultima si è svolta lo scorso Luglio nel Regno Unito, sul circuito di Rockingam, e ha visto la partecipazione di numerosi team italiani - sette in tutto - tra cui l'Xteam del Politecnico di Milano, che un primato lo ha portato a casa: quello italiano per il veicolo a più basso consumo.

Ma torniamo a quella cifra paradossale: 2000 chilometri con un litro, per spiegare come salta fuori. Sì, perché che i chilometri siano 2000 o 3000 è quasi un dettaglio (il record mondiale supera i 5000) se confrontiamo queste cifre con i consumi dei veicoli tradizionali, che spesso non superano i 20.

Com'è possibile, allora, conseguire un risparmio energetico di due ordini di grandezza? Detto che la gara non premia certo i motori potenti, perché si svolge a velocità molto basse (è richiesta da regolamento un'andatura non inferiore ai 30km/h), si è solo a un dieci percento della risposta. Il resto lo fanno decine di dettagli, più o meno importanti, i cui contributi, sommati, trasformano oggetti dalle forme improbabili in Formule 1 del risparmio energetico.

Le voci principali? Aerodinamica, leggerezza del veicolo, riduzione di ogni attrito possibile (dalle ruote al sistema di trasmissione) ed efficienza del propulsore. Scordatevi il comfort, però.

Si guida da sdraiati, in queste specie di wurstel a tre o quattro ruote. La visibilità non è delle migliori, e capita che il motore sia alloggiato pochi centimetri dietro la testa del pilota: un inferno in tangenziale. Ma non conta per veicoli che non intendono porsi come prototipi delle vetture che un giorno circoleranno sulle strade, bensì come esempi estremi, volti a dimostrare quali siano i margini di miglioramento; quale la riserva di potenzialità a cui l'industria dell'automobile può e deve attingere per ridurre il gap tra reale e potenziale, anche puntando a colmarlo solo in piccola parte. In questo video si capisce bene com'è collocato il pilota all'interno della macchina e come sia la gara.


Per gentile concessione della Fondazione Politecnico di Milano

Il veicolo dell'Xteam del politecnico è un tre ruote lungo poco meno di tre metri, largo 78 cm e alto 60 la cui forma è ispirata a quella di una goccia d'acqua in caduta libera. Il telaio è in alluminio; la scocca di materiale composito ultraleggero; i freni a filo come quelli di una bicicletta. e poi c' è il motore, elettrico, alimentato da una cella combustibile a idrogeno (si fa poi una conversione per stabilire a quanta benzina corrisponda il gas consumato) e alloggiato nell'unica ruota posteriore.

Un veicolo estremo dunque, giova ripeterlo, come tutti i veicoli che partecipano alla competizione in questa categoria; veicoli che sacrificano comfort e prestazioni e adottano al contempo ogni tecnologia utile pur di consumare appena un po' meno, senza badare troppo ai costi. Una prassi impossibile da trasferire all'Industria. Ma impossibile è anche non chiedersi se, tra quel 20 e quel 2000, non si possa realizzare una ragionevole, auspicabile via di mezzo.

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
[an error occurred while processing this directive]
ISHELL ECO MARATON

La Shell Eco Marathon, nella sua forma corrente, è nata nel 1985 in Francia. E' una competizione che ha attratto migliaia di giovani ingengeri e scienziati da 20 paesi europei. Dal 2007 se ne svolge una edizione anche in America.

Il principio della competizione è semplice: progettare e costrire un veicolo che usa il minimo del combustibile per percorrere il massimo della distanza.

Ci sono due categorie: la categoria "Prototypes", in cui le caratteristiche di risparmio sono spinte al massimo, a discapito di ogni comfort, e la categoria “UrbanConcept”, presente solo in Europa, dove invece i veivoli sono più vicini ai bisogni dei guidatore di tutti i giorni. In questa categoria si superano comunque gli 800 km/l.

Il combustibile può essere covenzionale, come benzina, diesel o GPL, o alternativo, come solare, idrogeno, etanolo ecc.

La prossima edizione (2009) si terrà a Hockenheim, in Germania.

Il sito ufficiale della Shell Eco Marathon

Il sito italiano della Shell Eco Marathon

 

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

IXteam? Why Not!

Il Politecnico di Milano partecipa con un proprio veicolo, progettato e realizzato dall'Xteam, un gruppo di studenti supportati da un team manager della Fondazione Politecnico, che finanzia l'iniziativa.

Il veicolo si chiama Why Not, e dal 2008 monta un propulsore a idrogeno.

A breve fotografie e filmati del veicolo in azione in uno speciale di Moebius

La pagina di Fondazione Politecnico dedicata alla Shell Eco Marathon

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""