sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Ventimila leghe sotto i mari
    Alessandro Isidoro Re ha intervistato Tiziana Sgroi, oceanografa e ricercatrice dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia: sul blog di Moebius il servizio che mostra il nuovo progetto Seismofaults
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Vini addizionati addio!


 
   
 

a cura di Chiara Albicocco

Di questi tempi le certificazioni di qualità stanno diventando fondamentali per garantire la bontà e la genuinità dei nostri vini, bianchi e rossi, ma anche delle birre.
E' stato infatti messo a punto dal politecnico di Milano un'analisi che svelerebbe se nelle bevande alcoliche sono stati aggiunti additivi di varia origine che potrebbero essere allergenici. E' un metodo che si basa sullo studio delle proteine e a raccontarci quali siano i vantaggi è il prof Piergiorgio Righetti, del Dipartimento di Chimica, Materiali ed Ingegneria Chimica del Politecnico di Milano.

Ascolta l'intervista a Piergiorgio Righetti

Scarica il file audio in mp3


Lo studio
Dal Politecnico di Milano arriva il metodo per svelare la genuinità dei vini bianchi e rossi e delle bevande alcoliche in generale.
Lo studio condotto dai ricercatori ha permesso di “visualizzare” per la prima volta la catena proteomica delle bevande alcoliche, in particolare dei vini bianchi e rossi e di stabilire così se il liquido è stato trattato. Alcuni additivi proteici come la caseina bovina e l’ovalbumina, ad esempio, permettono di eliminare le proteine presenti nell’uva e le sostanze di natura polifenolica, responsabili della formazione di precipitati, attraverso la pratica del collaggio o chiarificazione. L’aggiunta al prodotto di additivi proteici produce un processo di sedimentazione delle proteine residue dell’acino d’uva e delle sostanze coloranti colloidali instabili. Questa “gelatina” viene eliminata filtrando la bevanda che così si conserva per anni senza segni di degrado, residui sul fondo e torbidità. Se prima era praticamente impossibile individuare la presenza di tali additivi, oggi il metodo CPLL messo a punto dai ricercatori del Politecnico rappresenta uno strumento formidabile per visualizzare il proteoma “sommerso”, ovvero quell’insieme di proteine presenti in tracce oscurate da quelle, più abbondanti, normalmente presenti in qualsiasi liquido biologico. Il metodo è estremamente semplice e può essere adottato da qualsiasi laboratorio di analisi.

Come funziona?
La metodica del gruppo del Politecnico è basata sulle librerie combinatoriali di ligandi peptidici (CPLL), un assieme formato da diversi milioni di esche esa-peptidiche, in grado di trovare un partner tra le proteine presenti in un qualsiasi proteoma. Tali ligandi esa-peptidici agiscono diluendo le proteine ad alta abbondanza e simultaneamente concentrando le proteine presenti in tracce. Queste ultime possono essere “amplificate” fino a diecimila volte rendendole così “visibili” agli strumenti tipici dell’analisi proteomica, quali gli spettrometri di massa. Il limite di sensibilità è stato stimato a 1 micro-grammo di additivo (e.g., caseina) per litro di prodotto, una sensibilità mai finora raggiunta dalle metodiche correnti.
Alla ricerca ha partecipato il Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica “Giulio Natta” del Politecnico di Milano con il contributo della Fondazione Cariplo.

31.01.11

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS