sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Ventimila leghe sotto i mari
    Alessandro Isidoro Re ha intervistato Tiziana Sgroi, oceanografa e ricercatrice dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia: sul blog di Moebius il servizio che mostra il nuovo progetto Seismofaults
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Aiuto: le zanzare!
    Sono una vera e propria ossessione estiva. L'entomologo dell'Università di Udine Renato Zamburlini racconta storia ed "ethos" di questo fastidioso animale. E spiega finalmente se è vero che esistono persone geneticamente predisposte alle loro punture

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Le ricercatrici italiane di LHC in mostra


 
   
 

di Sara Sesti*

Ascolta il servizio a cura di Federico Pedrocchi

Ho visitato la mostra "Donne alla guida della più grande macchina mai costruita dall'Uomo" presso l'Istituto Shenker, che, partner del progetto, la ospita a Milano e continuerà ad ospitarla in nelle sue belle sedi italiane (QUI il programma). Una visita estremamente piacevole per cui desidero esprimere la mia gratitudine a Elisabetta Durante, giornalista scientifica, che ha ideato e realizzato questa preziosa esposizione dedicata a ricercatrici italiane che stanno contribuendo alla realizzazione del grande progetto europeo LHC.

Come insegnante di Matematica, trovo molto importante l'obiettivo della mostra di "comunicare alle nuove generazioni un modello di donna diverso da quello, piuttosto avvilente e tristemente omologante, che domina sui media: un modello di donna talvolta molto giovane, ma già avviata su un cammino di competizione internazionale e pienamente immersa in quella che sempre più sarà la società della conoscenza". Per questo motivo ritengo che l'esposizione debba circolare soprattutto nelle scuole dove avrebbe una funzione positiva nell'orientamento delle studentesse alla scelta delle Facoltà scientifiche, soprattutto dove si insegnano le cosiddette "discipline dure" - Fisica, Chimica, Matematica, Ingegneria - in cui il numero degli iscritti negli ultimi anni ha subito un calo vertiginoso.

Il principale merito della mostra è quello di sottrarre all'anonimato tante giovani scienziate, mostrandone i visi (peraltro simpatici) e l'aspetto 'fisico' per farle conoscere al grande pubblico. Nell'immaginario comune la scienza ha infatti un volto maschile, e il ruolo significativo svolto dalle donne nell'ambito della ricerca dall'antichità ai giorni nostri è poco conosciuto. Nei pannelli che riportano loro brevi biografie, le ricercatrici vengono riprese in momenti di lavoro quotidiano mentre progettano, costruiscono, mettono in funzione o controllano parti del gigantesco e complesso acceleratore di particelle LHC. Immagini vivaci che comunicano al visitatore una sensazione di impegno e di fatica, ma anche di gioia e di soddisfazione per il fatto di partecipare a un progetto importante.

L'esposizione mi è sembrata in qualche modo la prosecuzione ideale di un'altra mostra che ho curato nel 1997: "Scienziate d'occidente. Due secoli di storia", prodotta dal Centro di ricerca PRISTEM dell'Università Bocconi come esito di una ricerca collettiva sul rapporto delle donne con la scienza. Quello studio ha mostrato che ovunque abbiano avuto la libertà e il potere di farlo, le donne si sono sempre occupate di scienza e che sono state a lungo delle eccezioni solo perché i luoghi di produzione del sapere erano riservati agli uomini. Solo nel 1867 un'università scientifica, l'Ecole Politecnique di Zurigo, ha accettato per la prima volta l'iscrizione di una donna, e bisogna attendere il 1878 per avere la prima laureata italiana in una materia scientifica.

Oggi il rapporto tra donne e scienza è senza dubbio migliorato: nel progetto LHC le donne sono circa il 25% dei ricercatori. La loro attività ha evocato in me il ricordo di alcuni importanti lavori collettivi femminili del passato. Per esempio le ricerche astronomiche delle équipes di sole donne che infaticabilmente e per decenni hanno lavorato ai due più importanti Cataloghi stellari dell'Ottocento: il Catalogo fotografico La Carte du Ciel, cui hanno collaborato anche le Suore della Specola Vaticana e quello fotometrico di Harvard, il famoso Catalogo Draper, contenente i dati di oltre 225 mila stelle, dati ottenuti senza l'aiuto del calcolatore, attraverso calcoli laboriosi e tecniche estenuanti e faticose.


Le astronome di Harvard

L'esposizione di Elisabetta Durante mi ha fatto pensare anche alle scienziate che hanno avuto un ruolo decisivo nel Progetto Manhattan, che vide almeno 85 donne al fianco di Enrico Fermi, e alle programmatrici dell'ENIAC, il primo computer della storia, che fu costruito nel 1943, per calcolare le traiettorie balistiche durante la seconda guerra mondiale, compito svolto fino ad allora manualmente da 80 matematiche. Le "Ragazze dell' ENIAC" sono venute alla ribalta solo cinquant'anni dopo, grazie al premio assegnato loro nel 1996 dall'Associazione americana "Women in Technology International", che promuove le figure femminili che hanno dato un contributo all'innovazione industriale.


Le "Ragazze" dell' ENIAC, il primo computer della storia

Durante l'inaugurazione della mostra ci siamo interrogati sulla cancellazione delle donne di scienza e del loro operato dalla memoria storica, un fenomeno che non è attribuibile solo alla responsabilità degli storici, ma che è stato favorito dal fatto che sovente, per essere prese in considerazione, le scienziate nel passato dovevano pubblicare col nome dei mariti o con uno pseudonimo maschile e perciò le loro opere venivano attribuite a uomini. Abbiamo ricordato il caso di Sophie Germain, che nell'Ottocento si firmava Monsieur Le Blanc per poter corrispondere col matematico Louis Lagrange e sottoporgli i suoi lavori sul calcolo infinitesimale e abbiamo sorriso della paradossale vicenda di Trotula de Ruggiero, medica medievale della rinomata Scuola delle Mulieres salernitanae che, nonostante firmasse le sue opere col proprio nome, nelle trascrizioni successive se lo vide cambiato nel maschile Trottus, perché qualche zelante copista ritenne impossibile che una donna avesse delle competenze in campo medico.
Sarà, invece, grazie alla mostra di Elisabetta Durante che ricorderemo che "la complessità di LHC è in mano alle donne", anche italiane. Si tratta di una sfida tanto scientifica quanto tecnologica, che comporta formidabili avanzamenti, da cui in futuro deriveranno applicazioni di grande interesse sociale ed economico (in campi come energia, salute, elettronica, informatica, ambiente ecc.): una sfida a cui le ricercatrici hanno offerto importanti contributi e spesso costruito una carriera di successo internazionale.

Nota *
Sara Sesti, docente di Matematica fa parte dell'Associazione Donne e Scienza. Ha curato, per il Centro di Ricerca PRISTEM dell'Università Bocconi, la mostra "Scienziate d'Occidente. Due secoli di storia". E' responsabile per l'Università Statale di Milano della rassegna di film "Vedere la Scienza - Sguardi sulle Donne di scienza". Ha pubblicato con Liliana Moro il libro "Scienziate nel tempo. 65 biografie", edizioni Libera Università delle donne di Milano, 2008. E' una delle webmaster del sito universitadelledonne.it

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS