sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Riconoscere le facce: questione di esperienza infantile


 
 

I volti utilizzati negli esperimenti

 
 

a cura di Chiara Albicocco

Ricordare e riconoscere il volto di una persona per alcuni è un gioco da ragazzi, per altri è veramente complicato. La spiegazione a questo tipo di attitudine andrebbe ricercata nelle esperienze che abbiamo avuto nei primi anni di vita.
E' quanto emerge da una ricerca recentissima che proviene dai laboratori di psicologia dell'Università Milano Bicocca.
Ci racconta tutti gli esprimenti la professoressa Viola Macchi Cassia che ha coordinato i lavori.

Ascolta l'intervista alla Prof.ssa Macchi Cassia

Scarica il file audio in mp3

Lo studio
Le esperienze visive fatte da bambini non vanno perdute ma si “riattivano” da adulti. I ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca hanno scoperto che la capacità di riconoscere volti di età diverse è facilitata se si sviluppa nei primi tre anni di vita. L’esperienza precoce preserva il sistema percettivo dalla perdita naturale di plasticità.
Parlare una seconda lingua, si sa, è più facile se si impara da bambini. Ciò che però ancora non si sapeva è che la stessa cosa vale anche per il riconoscimento dei volti. L’esperienza con volti di una particolare classe di età ne facilita il riconoscimento se è acquisita nei primi tre anni di vita, ma non ha nessun effetto se acquisita in età adulta. Inoltre, cosa ancora più sorprendente, il nostro sistema percettivo si ricorda dell’esperienza alla quale è stato esposto nei primi tre anni di vita e la utilizza per gli apprendimenti successivi che risultano così facilitati.
Lo ha dimostrato una ricerca condotta da un team di studiosi dell’Università di Milano-Bicocca, guidato dalla professoressa Viola Macchi Cassia del Dipartimento di Psicologia.

Lo studio, il cui titolo originale è Early Experience Predicts Later Plasticity for Face Processing, è appena stato pubblicato sul sito della rivista Psychological Science e, a luglio, sarà disponibile anche nella versione cartacea.

I ricercatori sono arrivati a tale scoperta studiando la capacità di riconoscere volti di neonati in bambini di 3 anni con e senza un fratello o una sorella minore, in donne adulte madri al primo parto di un bambino o bambina di 9 mesi e che, nei primi 3 anni di vita, hanno o non hanno avuto un fratello o una sorella minore senza avere avuto nel corso della vita altre particolari esperienze con bambini di età inferiore ai 3 anni, e in donne adulte prive di qualsiasi esperienza con bambini (non esperte), eccetto quella derivante dall’avere avuto un fratello o una sorella nei primi 3 anni di vita.

La nascita di un fratello minore nei primi 3 anni di vita ha consentito ai ricercatori di studiare gli effetti immediati (nei bambini di 3 anni) o a lungo termine (nel caso delle donne adulte non esperte) dell’esperienza precoce con un neonato. La nascita di un figlio ha consentito di isolare nelle madri al primo parto gli effetti dell’esperienza acquisita in età adulta sul riconoscimento di volti di neonato. I risultati hanno dimostrato che, mentre i bambini con fratello o sorella minore riconoscono i volti di neonato in modo più accurato e utilizzando processi percettivi maggiormente specializzati rispetto ai loro coetanei che non hanno un fratello o una sorella più piccola, la nascita di un figlio nelle donne adulte non influenza in alcun modo i processi percettivi e l’accuratezza del riconoscimento dei volti di neonato. L’unica condizione nella quale l’esperienza acquisita in età adulta dalle madri ha un effetto sul riconoscimento dei volti di neonato è quella in cui l’esperienza tardiva si somma all’esperienza precoce acquisita nei primi 3 anni di vita, come accade nel gruppo delle madri con fratelli o sorelle minori.

I dati dimostrano per la prima volta che l’esperienza visiva precoce, ossia quella alla quale siamo esposti nei primi anni di vita, ha una capacità di plasmare e influenzare i nostri processi percettivi molto maggiore rispetto all’esperienza acquisita in età adulta, tanto grande da produrre effetti che rimangono latenti nel corso dello sviluppo, pronti a riattivarsi dopo molti anni, alla comparsa di una nuova esperienza. In sostanza, l’esperienza precoce è in grado di preservare il sistema percettivo dalla perdita di plasticità che naturalmente avviene nel corso dello sviluppo.

Gli esperimenti
Lo studio è composto da tre esperimenti, il primo condotto su due gruppi di bambini di 3 anni, 24 (11 femmine e 13 maschi) dei quali senza un fratello o sorella più piccoli e 25 (12 femmine e 13 maschi) con un fratellini o sorellina. Il secondo esperimento ha coinvolto 23 donne, madri al primo parto di bambini di nove mesi, 12 senza e 11 con fratello o sorella minore, mente il terzo è stato condotto su 16 donne adulte (non madri) con almeno un fratello o sorella più piccola. Tutti gli adulti che hanno preso parte alla ricerca sono stati selezionati per essere privi di specifiche esperienze con neonati tramite un questionario volto a quantificare le ore di esperienza accumulata negli ultimi 5 anni con bambini di età inferiore ai 3 anni. Sono stati incluse nello studio solo donne che (a) in nessun mese nel corso dell’ultimo anno avessero accumulato più di 24 ore di esperienza con bambini di età inferiore ai 3 anni, e (b) in nessun anno nel corso degli ultimi 5 anni avessero acquisito più di 288 ore di esperienza con bambini di età 0-3 anni.
In tutti gli esperimenti è stato utilizzato un compito di riconoscimento a scelta forzata tra due alternative nel quale è stata misurata l’accuratezza della risposta di riconoscimento alla presentazione di 48 volti di neonati e 48 volti di giovani donne tra i 20 e i 30 anni presentati con orientamento dritto ed inverso, tutti in bianco e nero e fotografati in visione frontale con espressione neutra (vedi immagine in alto). Ai partecipanti veniva presentato un volto al centro dello schermo di un computer per un tempo prefissato (5 secondi per i bambini e 1 secondo per gli adulti), e subito dopo due volti tra i quali il soggetto doveva indicare il volto appena visto, indicandone la posizione sullo schermo per i bambini, e premendo il tasto corrispondente per gli adulti.

20.06.09

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS