sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Mi stanco solo a guardarti


 
   
 

a cura di Mariachiara Albicocco

Vi siete mai chiesti perché ci piace così tanto seguire le gare sportive in televisione: le partite di calcio, il Giro d'Italia, la Maratona e persino quei programmi televisivi in cui ci sono ragazzi che si allenano per diventare dei veri ballerini?
Forse una risposta a tutto questo c'è; una risposta da ricercare nel nostro cervello.
Un recente studio ha dimostrato che le aree cerebrali deputate al movimento vengono attivate non solo quando sforziamo davvero i nostri muscoli, ma anche quando osserviamo altri che lo fanno.
La ricerca è stata realizzata dal laboratorio di elettrofisiologia cognitiva dell'Università di Milano Bicocca e noi ne parliamo con la direttrice Alice Mado Proverbio.

Ascolta l'intervista a Alice Mado Proverbio

Scarica il file audio in mp3


NB: La professoressa era già stata nostra ospite per il lavoro che dimostrava che le donne fossero più empatiche ed emotive degli uomini.

La ricerca
Osservare le azioni degli altri eccita le aree corticali deputate al movimento. E’ la conclusione di una scoperta dei ricercatori dell’Università la Bicocca e del Cnr, pubblicata su Plos-One (QUI l'articolo scientifico).
Ricercatori del Laboratorio di elettrofisiologia cognitiva dell’Università di Milano-Bicocca coordinati da Alice Mado Proverbio in collaborazione con Federica Riva e Alberto Zani dell’Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare (Ibfm) del Cnr di Milano-Segrate, hanno registrato potenziali bioelettrici che riflettono l’attività del cervello in studenti universitari maschi e femmine mentre osservavano diapositive di persone (di diversa età, numero e sesso) impegnate in movimenti altamente dinamici, come salti, azioni atletiche, corsa, tuffi, ecc., rispetto a persone ritratte in pose statiche, per esempio un ragazzo che gioca a scacchi o fuma una sigaretta.

Dopo 350 millisecondi dalla presentazione dell’immagine si notava un’intensa attività dei neuroni specchio inferoparietali, motori e premotori che normalmente codificano l’azione (in dettaglio V5/MT destro, extra-striate body area sinistra, solco temporale superiore sinistro, corteccia premotoria e motoria sinistra, corteccia cingolata e frontale inferiore) in misura molto maggiore alle immagini dinamiche rispetto a quelle statiche, soprattutto nel cervello maschile. Nel cervello femminile è emerso, invece, un interesse generalizzato verso tutte le figure umane e un minore effetto di differenza tra immagini denotanti sforzo muscolare intenso piuttosto che debole.
Questa diversità riscontrata tra i sessi potrebbe essere di origine parzialmente biologica, considerato che l’individuo maschile è dotato di un apparato muscolare mediamente più potente e potrebbe rispecchiarsi maggiormente nello sforzo muscolare altrui. Parallelamente, potrebbe riflettere una preferenza culturale di giovani maschi adulti per azioni ad alto dinamismo che si svolgono in un contesto sportivo.

Questi nuovi dati aiutano a comprendere i meccanismi imitativi per cui ci si prepara dal punto di vista sia fisiologico sia corticale a compiere un’azione semplicemente guardando i nostri simili. Come, ad esempio, per i calciatori che si preparano a segnare un rigore mentre osservano i compagni già in azione, o di chi si prepara ad attraversare un ponte pericolante e guarda le strategie motorie dei compagni che lo precedono. Infatti, è nota da tempo l’utilità nell’esaminare immagini che ritraggono il gesto sportivo, o la semplice immaginazione del gesto per la preparazione atletica.
La possibilità di attivare la corteccia motoria e premotoria, che governano il nostro stesso movimento, semplicemente mostrando visivamente azioni umane spiega anche perché è così interessante per noi vedere gli altri che si muovono (per esempio una partita di calcio o una gara di ballo in televisione).
Studi fisiologici precedenti avevano mostrato che l’osservazione di atleti impegnati in attività muscolare di crescente intensità (per es. sollevamento pesi o tapis roulant) da parte di persone immobili generava in loro un aumento della frequenza respiratoria e del battito cardiaco, come se rispecchiassero nel loro corpo lo sforzo muscolare degli atleti, ma finora nulla era noto sulla concomitante attività cerebrale.

16.05.09

 

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS