sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Glast diventa Fermi, e tutto funziona perfettamente


 
   
 

Nell'immagine la partenza del razzo Delta II da Cape Canaveral, la mattina dell'11 giugno 2008, alle ore 12.
Così è entrato in orbita GLAST (Gamma Ray Large Area Space Telescope), l'osservatorio spaziale orbitante che ha come missione raccogliere dati su alcuni dei più suggestivi e spesso misteriosi eventi dell'universo, come i potenti gamma-ray burst, ovvero getti di materia con energie altissime.

Il 26 giugno la NASA ha annunciato che GLAST è stato dedicato a un grande scienziato italiano e ribattezzato Fermi Gamma-ray Space Telescope (FGST), in onore di Enrico Fermi (1901-1954), uno scienziato poliedrico, pioniere dello studio delle particelle di alta energia che, tra l'altro, intuì il meccanismo fisico per accelerare i raggi cosmici che pervadono la nostra galassia e che giungono fino a noi.
"Fermi è stato il primo a intuire come le particelle cosmiche potessero essere accelerate ad alte energie, e questo lavoro fornì le fondamenta per comprendere la potenza di fenomeni che il satellite a lui dedicato osserverà" dice Paul Hertz, a capo del direttorato scientifico della NASA.

La NASA ha annunciato che tutti i primi controlli sul funzionamento dell'osservatorio spaziale sono andati a buon fine. Tutto sta funzionando perfettamente. E tutto fa capire come l'osservatorio stia effettivamente mostrando le sue rivoluzionarie specificità.
Sono anche arrivate le prime immagini prodotte da FGST..

Ascolta l'intervista con Paola Rebusco, la corrispondente dagli Stati Uniti per Moebius, che ha seguito la conferenza stampa nella quale sono stati forniti i primi dati sul funzionamento di FGST.


Ascolta anche l'approfondimento nel quale Paola Rebusco commenta immagini e video dai quali si ricava come FGST riesca a produrre immagini come mai in precedenza.
In questa conversazione si fa riferimento al seguente Filmato che si può rapidamente scaricare, e ai file immagine Uno, Due e Tre.


Ma anche i buchi neri entrano nelle attività del FGST, soprattuto quelli contenuti nelle galassie più lontane.
Da FGST l'astrofisica si aspetta anche di ricavare nuove e importanti informazioni sulla materia oscura. La missione, che nasce come collaborazione fra Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Svezia, ha quindi come obbiettivo lo studio di fondamentali fenomeni dell'universo, dai quali si potrebbe anche raggiungere un punto di osservazione senza precedenti nella comprensione del mondo fisico.

FGST è composto da due strumenti, il Large Area Telescope (LAT) ed il Gamma-ray Burst Monitor (GBM) che permetteranno di spingere lo studio del cosmo da un'energia di circa 10 KeV fino a valori dello spettro elettromagnetico celeste mai raggiunti finora, 300GeV ed oltre
La caratteristica principale di FGST è quindi una elevata sensibilità nella "cattura" dei segnali che provengono dagli oggetti cosmici. In sintesi tale sensibilità è accresciuta di un fattore 50 rispetto ai più potenti telescopi orbitanti finora costruiti.

Ascolta l'intervista di Barbara Gallavotti a Gloria Spandre
, ricercatrice dell'Infn, uno degli enti di ricerca italiani coinvolti nella progettazione del telescopio. L'intervista è stata fatta subito dopo il lancio.

Stiamo parlando di telescopi e si potrebbe immaginare che in orbita siano collocati dei marchingegni simili a quelli usati da noi tutti per osservare il cielo, ovvero dei "tubi" con dentro delle lenti, pensandoli molto più potenti, ovviamente. Non è così. Lo studio del cosmo, e soprattutto di sorgenti molto lontane o non visibili per via ottica (buchi neri, materia oscura) avviene per via indiretta e cioé catturando le emissioni di radiazione, al di fuori dell'ottico, che da tali oggetti è prodotta. E' per questo motivo che la struttura di una macchina come FGST ci appare molto diversa dall'immagine classica del telescopio.
Nell'immagine qui di lato, per esempio, si vede il cuore del LAT, uno dei due strumenti di osservazione collocato a bordi del FGST. Si tratta di 16 "torri" - così sono state definite - di circa 37 cm di altezza e una base quadrata di circa 6 cm. E' questo strumento che osserva e registra le emissioni di cui si è detto.

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
news/070921_astronomix.shtml">Al via Astronomix!
Nel 2007 gli astrofili italiani hanno compiuto 40 anni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""