sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Festival della Scienza di Genova 2008


 
   
 

a cura di Chiara Albicocco e Maurizio Melis

Sesta edizione - Genova, 23 ottobre - 4 novembre 2008

Da Palazzo Ducale, cuore pulsante della manifestazione, all'acquario, passando per il Teatro della Tosse e i magazzini del cotone; i visitatori del Festival della scienza di Genova hanno la possibilità di camminare tra i carruggi genovesi e assistere agli eventi in programma. La kermesse è ormai giunta alla sesta edizione e è considerato ormai il più grande festival a tema scientifico d'Europa. Lo scorso anno (vai alla scheda di Moebius sul FdS 2007) ha toccato le 250.000 presenze nelle due settimane di durata dell'evento.
Il tema centrale di quest'anno è la diversità: biologica e culturale.

QUI trovate il programma completo!

Ascolta il servizio di Moebius sui primi giorni di eventi in diretta da Genova! E' andato in onda su Radio24 sabato 25 ottobre 2008.

VOCI DAL FESTIVAL

- La diversità è il fulcro della storia umana
Luigi Luca Cavalli Sforza (nella foto) ha inaugurato il Festival 2008 con una lectio magistralis dal titolo "La diversità è il fulcro della storia umana". Lui ha condotto per decenni, unendo le conoscenze della biologia molecolare, dell’antropologia, dell’archeologia e della linguistica. A lui dobbiamo la nostra visione attuale della storia e della geografia dei geni umani, ricostruita attraverso i tracciati delle diaspore, delle migrazioni e delle ibridazioni dei popoli dall’origine africana della nostra specie a oggi. Abbiamo così scoperto la matrice dell’umanità: caratterizzata da una grande unità biologica e genetica, ma al contempo da una – altrettanto grande – diversità culturale e storica.
Ascolta l'intervista al genetista Luigi Luca Cavalli Sforza!

- Presentazione del libro "Le culture degli altri animali. È Homo l'unico sapiens?" di Michelangelo Bisconti (Ed. Zanichelli).
La gatta insegna ai piccoli come si cacciano i topi. Le balene sanno parlare tra loro tramite "frasi" sonore. Certe scimmie hanno perfino sviluppato forme di comunicazione che ricordano il nostro linguaggio al fine di difendersi dai predatori. Ed esistono fringuelli che cacciano gli insetti annidati nei tronchi usando bastoncini modellati allo scopo. Molti animali sono capaci di scambiare informazioni e di trasmetterle da un individuo all’altro per via non genetica.
La nostra specie è davvero l'unica che possiede una qualche forma di cultura?
Ascolta l'intervista a Michelangelo Bisconti, paleontologo ed esperto di evoluzione dei cetacei.


- Against Nature? Contro Natura?
Una mostra sull’omosessualità nel regno animale.
Idea e produzione a cura del Natural History Museum, University of Oslo.
Oggi sappiamo che l'omosessualità è un fenomeno comune e diffuso nel regno animale. Non solo fugaci incontri sessuali, ma anche relazioni che possono durare tutta la vita. Come sappiamo che gli animali sono omosessuali? Come l'omosessualità può essere compatibile con le teorie che abbiamo imparato sull'evoluzione e il Darwinismo?
Visita la mostra con noi e Evelina, la nostra preparatissima guida!


- Presentazione del libro "Il ronzio delle api" (Springer Verlag Italia, 2008), nel quale l’autore Jurgen Tautz propone una nuova interpretazione del comportamento di questi insetti, basata sulle più recenti scoperte scientifiche.
Secondo la visione classica l’alveare è una società perfetta, in cui i singoli individui svolgono il loro compito sotto il controllo della regina. Tautz introduce invece il concetto di “superorgansimo”, secondo cui l’alveare è un sistema complesso capace di autogestirsi e di adattarsi ai mutamenti dell’ambiente esterno.
Ci spiega tutto Claudio Porrini, ricercatore presso la facoltà di agraria all'Università di Bologna.

 

- La dinamica della pallina da golf con il fisico russo Andrei Varlamov. Prendendo spunto dalla famosa conferenza di Lord Thompson di cento anni fa, discutiamo il ruolo dell'aerodinamica in giochi come il golf, il tennis e il calcio. perchè la pallina da golf ha le fossette? E' diverso giocare a golf al mare o in montagna? A queste domande risponde il fisico di Kiev, noto per le sue grandi abilità divulgative.
Ascolta l'intervista ad A. Varlamov

 

- Presentazione del libro: "Il tempo non suona mai due volte" di Étienne Klein (Raffaello Cortina Editore, 2008).
Cos’è il tempo? Cosa succede quando confrontiamo le nostre idee su di esso con i pensieri dei filosofi e le ipotesi dei fisici? Étienne Klein, direttore del Laboratorio di ricerca sulle Scienze della materia al CEA (Commissariato per l’Energia Atomica di Parigi) prova a incrociare questi problemi.
Ascolta l'ntervista a Etienne Klein
Vai all'approfondimento.

 

- Estinzione e conservazionedei primati non umani con Angelo Tartabini.
Non solo i gorilla sono in pericolo!La deforestazione minaccia tutti i nostri parenti più stretti: scimmie e lemuri. Sarebbe una perdita incalcolabile. Il processo politico-commerciale della globalizzazione, iniziato già con l’era moderna e accentuatosi negli ultimi anni, è anche, di fatto, una rivoluzione ambientale. Ma se la società umana non sembra in grado di reagire, lo studio della conservazione delle nostre cugine più prossime, le scimmie, potrebbe dare nuove speranze al nostro futuro.
Vai all'approfondimento, trovate anche l'audio dell'intervista ad Angelo Tartabini!


- Esopianeti: alla scoperta di nuovi mondi fuori dal sistema solare.
Dai primi esopianeti alla ricerca di una "nuova Terra". Nell’ottobre 1995, gli astronomi Mayor e Queloz dell’osservatorio di Ginevra scoprirono il primo pianeta orbitante attorno a una stella diversa dal nostro Sole, cioè un pianeta extrasolare (o esopianeta). Da allora, più di 300 esopianeti sono stati rilevati nella nostra Galassia con metodi indiretti, e questo numero è destinato a crescere esponenzialmente nei prossimi anni. A tutt'oggi, il pianeta più piccolo scoperto ha una massa che è circa tre volte quella della nostra Terra. Per alcuni di questi pianeti, soprattutto pianeti caldi e gassosi, conosciamo già i componenti principali dell'atmosfera. Grazie a una nuova generazione di telescopi, nei prossimi dieci anni saremo in grado di osservare pianeti rocciosi più simili al nostro, capirne la composizione atmosferica e giudicarne le condizioni di abitabilità per forme di vita. Quanto è unica la nostra Terra nell’Universo? Vai all'approfondimento di Moebius e all'intervista con Giovanna Tinetti, astrofisica presso lo University College di Londra.

 

- Presentazione del libro. "Einstein parla italiano" I carteggi del grande scienziato. Itinerari e polemiche (Pendragon Edizioni, 2008) – a cura di Sandra Linguerri e Raffaella Simili. Un nuovo libro racconta le relazioni intense che lo scienziato ebbe con il nostro paese.
«Come faremo a riconoscerlo? Parlerà italiano?» si chiedeva Adriana, figlia del noto matematico Federigo Enriques, mentre aspettava Albert Einstein alla stazione di Bologna. Era il 1921, e il fisico tedesco era stato invitato a un ciclo di conferenze. Il volume, oltre a raccogliere numerosi inediti e saggi poco conosciuti, contiene il testo delle tre conferenze bolognesi tenute dallo scienziato, in cui venivano illustrati i concetti inerenti alla teoria della relatività speciale, i problemi connessi alla relatività generale e la concezione relativistica dell'Universo. Inoltre, vi è pubblicata l’interessante corrispondenza che Einstein ed Enriques si scambiarono tra il 1920 e il 1930, insieme a una selezione importante dal carteggio di Einstein con altri italiani (Tullio Levi-Civita, Roberto Marcolongo, Paolo Straneo, Benedetto Croce, Carlo Marangoni, Guido Castelnuovo).
Vai all'approfondimento!

 

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
[an error occurred while processing this directive]
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""