sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Ventimila leghe sotto i mari
    Alessandro Isidoro Re ha intervistato Tiziana Sgroi, oceanografa e ricercatrice dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia: sul blog di Moebius il servizio che mostra il nuovo progetto Seismofaults
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Aiuto: le zanzare!
    Sono una vera e propria ossessione estiva. L'entomologo dell'Università di Udine Renato Zamburlini racconta storia ed "ethos" di questo fastidioso animale. E spiega finalmente se è vero che esistono persone geneticamente predisposte alle loro punture

notizie recenti


 


Mont Blanc al contrario con bignè di castagne


 
   
 

Ingredienti
125 ml di acqua
75 gr di farina
40 gr di burro
2 uova medie
1 pizzico di sale

Procedura
Si tratta di creare bignè di castagne ripieni di crema chantilly. Prendete la farina di castagne, mettetela in una teglia e cuocetela nel forno a circa 90° per 2 ore. Poi mettete l'acqua, il burro a pezzetti e un pizzico di sale sul fuoco in una casseruola e portate ad ebollizione. Togliete dal fuoco e versate in un sol colpo la farina di castagne, mescolando energicamente con una frusta. Rimettete qualche minuto sul fuoco, fino a quando il composto si staccherà dai bordi, formando una palla di pasta.
Togliete dal fuoco, fate intiepidire e incorporate uno alla volta le uova. Foderate la placca del forno con carta oleata. Posizionate l'impasto a piccole cucchiaiate sulla teglia, distanziandole bene tra loro e cuocete in forno caldo a 180° per circa 30 minuti.
Avrete così i bignè a base di castagne a questo punto farciteli di panna o crema chantilly e disponete a piramide.
Cospargete il tutto di panna montata e farcite a piacimento on cacao e marron glacé.

Variante salata
Se volete bignè salati, farciteli con la mousse al prosciutto o al tonno, basta tagliarli a metà con un coltello e richiuderli dopo averli riempiti con la farcitura.

.====================

LA SCIENZA CHE CI STA DIETRO...
Questa ricetta è molto all'avanguardia, infatti i fisici dell'università di Parma solo da un anno hanno scoperto come rendere lavorabili le farine di castagne e di legumi (vedi anche la ricetta delle tagliatelle di lenticchie).
Nella farina di grano ci sono due proteine, la gliadina e la glutenina, che durante la lavorazione con l'acqua formano una rete, il glutine, che tiene insieme tutta la pasta.
Nelle farine derivate dai legumi, dalle castagne e dalla frutta secca questa proteine mancano, ma noi possiamo dare un piccolo aiuto alla natura: scaldando a 90° possiamo denaturare le proteine. Con il calore, facciamo srotolare i gomitoli di proteine, che intrecciandosi gli uni con gli altri formano una nuova rete. Possiamo così utilizzare il composto che abbiamo ottenuto allo stesso modo di una farina tradizionale.

Fonte: "Il gelato estemporaneo e altre invenzioni gastronomiche" di Davide Cassi e Ettore Bocchia, ed. Sperling e Kupfer.

 

 

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS