sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Il Caravaggio sotto scanner


 
 


Cena in Emmaus
Michelangelo Merisi da Caravaggio (1596-98)

 
 

a cura di Maurizio Melis

E' uno scanner multispettrale all'infrarosso realizzato dall'INO-CNR di Firenze, che ha portato alla luce il disegno sottostante alla Cena in Emmaus e un significativo pentimento dell'artista
La ricerca del disegno nei dipinti di Caravaggio è sempre stata una sfida per gli studiosi dell'artista, nel tentativo di convalidare o contraddire alcune fonti storiche sul fatto che il pittore non ricorresse alla fase grafica preliminare. La scoperta dell'underdrawing nella "Cena in Emmaus", capolavoro conservato nella Pinacoteca di Brera, getta nuova luce sulla genesi dell'opera di Caravaggio. La 'rivelazione' si deve allo studio effettuato da parte dell'Opificio delle Pietre Dure (OPD) e ad una sofisticata tecnologia, lo scanner Multi-NIR (Scanning Multispectral IR reflectography) realizzato dall'Istituto Nazionale di Ottica (INO) del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Firenze che da oltre vent'anni collabora con le oprintendenze e gli istituti di restauro nel settore della diagnostica dei Beni Culturali.

Ascolta l'intervista a Luca Pezzati,
responsabile del Gruppo Beni Culturali dell'INO-CNR

Scarica il file audio in mp3

"Mai come in questo caso una scoperta storico-artistica è stata fortemente voluta e perseguita, in un intreccio d'intuizione storica, concretezza dell'analisi delle pratiche di lavoro e avanzamento scientifico", afferma Cecilia Frosinini Direttore Storico dell'Arte dell'Opificio delle Pietre Dure. La sorprendente realtà si è concretizzata sotto gli occhi degli studiosi dell'Opificio delle Pietre Dure, dove ha sede uno dei laboratori dell'INO-CNR: lo Scanner Multi-NIR come un terzo occhio ha indagato il dipinto a livelli di profondità e con una risoluzione mai raggiunti prima.
Questa apparecchiatura realizzata grazie ai finanziamenti del progetto europeo EU-Artech e alla stretta collaborazione tematica con l'OPD è in grado di acquisire l'immagine all'infrarosso in 14 lunghezze d'onda, raggiungendo i 2300 nanometri, anziché i 1050 dei mezzi tradizionali. Il risultato è una successione di immagini monocromatiche, multi banda, perfettamente sovrapponibili, rivelatrici di numerose caratteristiche delle parti nascoste, come l'underdrawing, pentimenti e tecnica esecutiva. La potenza dello strumento è tale da poter visualizzare un disegno nero su preparazione scura.
Dall'indagine sono infatti affiorati i contorni grafici del volto di Cristo, degli apostoli, delle mani, oltre alla presenza di incisioni tipiche della fase giovanile del Caravaggio.
Si può quindi sintetizzare che Caravaggio, sebbene non avesse bisogno di una lunga preparazione preliminare, non rinunciasse a fermare idee e modelli sulla tela tramite dei segni.
Il dato assume quindi un rilievo che va al di là del singolo quadro e induce ad intervenire con uguali indagini nelle restanti opere autografe con la rospettiva di importanti sorprese.
All'inizio delle ricerche tecniche sull'artista, la riflettografia (a causa delle limitazioni della strumentazione disponibile) non offrì risultati immediati o eclatanti come quelli della radiografia e la si abbandonò, scambiando per una risposta negativa («non c'è un disegno preparatorio») quello che invece era un limite strumentale. I risultati oggi possibili grazie allo scanner Multi-NIR di Opificio delle Pietre Dure e INO-CNR sono quindi perseguibili su tutto il corpus dell'artista.
Lo scanner del CNR ha svelato anche la presenza di un significativo pentimento di Caravaggio. Sul lato sinistro è riaffiorata una finestra da cui si scorge un paesaggio dominato da un albero frondoso. Tale apertura era fonte di luce naturale che si posava sui personaggi illuminandoli. Nella stesura definitiva Caravaggio occultò questi elementi spaziali e naturalistici, a favore di uno sfondo scuro, adatto alla resa di un'atmosfera più raccolta e spirituale, rischiarata da una luce 'innaturale' rivelatrice della presenza divina. Grazie ai risultati del Multi-NIR CNR, gli studiosi oggi possono affermare che tale dipinto si pone come spartiacque delle due differenti poetiche ravvisabili nel corpus caravaggesco e, in questo caso, nella stessa tela. Secondo Isabella Lapi Ballerini, Soprintendente dell'Opificio delle Pietre Dure, essa rappresenta infatti "la boa intorno alla quale avviene la virata da un'espressione implicata nel naturalismo al denso e teatrale spiritualismo degli ultimi anni".
La 'Cena in Emmaus' fu infatti dipinta da Caravaggio nel 1606, all'indomani dell'omicidio che lo portò alla fuga da Roma, durante il rifugio presso la famiglia Colonna, nei feudi laziali. La stesura finale anticipa quegli elementi stilistici riscontrabili nella fase della maturità dominata dagli eventi tragici: l'approdo a Napoli, a Malta, in Sicilia, fino alla morte avvenuta a Porto Ercole il 18 luglio 1610.
Infine, indagini non invasive mediante la fluorescenza a raggi X, eseguite dall'Università di Perugia e dall'Istituto di scienze e tecnologie molecolari del Cnr, hanno potuto acquisire ulteriori dati sulla composizione dei materiali pittorici. Che confermano la presenza di un paesaggio verdeggiante oltre l'apertura sullo sfondo.

15.03.10

 

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Moebius è andato sulla Luna!


Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS