sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Attacco al Ranger


 
   
 

Ascolta l'intervista a Xavier Pastor
coordinatore di Oceana a bordo della Ranger
(sotto la trascrizione in italiano dell'intervista)

Lo avevamo anticipato nella rassegna stampa del 24 Aprile (2007). Oceana* ci ha inviato le immagini drammatiche dell'attacco al catamarano Oceana Ranger, che da tempo pattuglia il Mediterrano per documentare l'uso illegale di reti derivanti da parte di alcuni pescherecci. Nel video - che è già disponibile su Youtube - documenta il fatto avvenuto lo scorso lunedì 22 si vedono 7 pescherecci Francesi avvicinare pericolosamente il catamarano dell'organizzazione per la tutela dei mari e gettare cavi tra le eliche per bloccarlo, circondarlo e intimare all'equipaggio, tra insulti e gesti osceni, di consegnare la documentazione raccolta fino a quel momento. Solo l'arrivo degli elicotteri delle forze dell'ordine li ha indotti alla fuga.
Le reti derivanti, proibite dal 2002 dall'UE, sono molto poco selettive e perciò danneggiano la fauna ittica oltre a causare la morte di molti cetacei. L'UE ha concesso ai pescherecci che ne facevano uso consistenti somme di denaro per garantire una transizione morbida ad altre tecniche di pesca. Tuttavia molti di questi hanno intascato i soldi e continuato a pescare esattamente come prima. Potete scaricare qui il comunicato stampa rilasciato da Oceana sull'attacco al Ranger.

Intervista a Xavier Pastor (30 Maggio 2007)
Pastor è coordinatore di Oceana per l'Europa, a bordo della Ranger durante l'attacco (vedi comunicato stampa di Oceana).

ascolta qui l'audio in inglese

Mi può dire innanzitutto dove e quando è avvenuto l'attacco al vostro catamarano da osservazione "Oceana Ranger" da parte dei battelli francesi che pescavano con le spadare?
Eravamo a Sudest del golfo di genova, poco oltre San Rafael, a circa 30 miglia dalla costa, era la mattina dello scorso 21 maggio e stavamo filmando e documetando le attività dei pescherecci francesi.

Dunque: raccoglievate prove dell'uso di spadare che sono state vietate dall'unione Europea nel 2002.
Si. Nel 2002 c'è stata la legge europea che ha vietato l'uso delle spadare alle flotte europee, a cui è seguito un divieto dell'ONU e dell'organizzazione internazionale che regolamenta la pesca del tonno e degli altri pelagici. Ma una flotta francese di circa 8 pescherecci le stava usando, e questo era ciò che stavamo documentando per denucniarlo alla commissione della Pesca europea.

E a quel punto siete stati attaccati. E' la prima volta che succede una cosa del genere?
Sì... abbiamo avuto qualche incidente simile ma mai così grave. Ci è successo quacosa del genere in Italia 2 anni fa, quando "Go five", un peschereccio che pescava con reti derivanti, e anche l'"Alba chiara", fu molto aggressivo, ma mai nulla di così organizzato. Qui 7 pescherecci francesi ci hanno attaccato assieme cercando di abbordarci per sequestrare i filmati, le fotografie e le macchine da ripresa.

Guardando il video l'organizzazione è evidente, sembra anche che la prima barca spari un razzo per chiamare le altre... Poi c'è stato l'arrivo dell'elicottero che avete chiamato.
Sì, ovviamente non lo abbiamo chiamato direttamente ma abbiamo lanciato l'allarme a tutte le autorità. Pensavamo che la barca fosse in pericolo. Avevano buttato a mare delle cime per impigliarci le eliche e la barca era ingovernabile, ferma in mezzo al mare mentre questi tizi si perparavano ad abbordarci. Abbiamo lanciato il segnale di MayDay e il servizio di salvataggio francese è uscito. Per primo è arrivato un elicottero della guardia costiera e poi uno della marina. A questo punto si sono fermati e sono fuggiti perché gli elicotteri potevano leggere il nome dei pescherecci e riconoscerli.

Com'è possibile che ancora dopo diversi anni ci siano barche che pescano con le reti derivanti. perché le forze dell'ordine non le fermano?
E' mancanza di volontà politica, i governi non vogliono problemi coi pescatori. Questo succedeva anche in Italia fino a un anno fa. Fino a che non è arrivato il nuovo governo, c'era un flotta di più di cento pescherecci che pescavano con le spadare. Ma con il nuovo ministro De Castro c'è stata una netta diminuzione delle attività. Ha ordinato alla guardia costiera e ai carabinieri di prendere il controllo della situazione e loro stanno facendo un ottimo lavoro. Non è finita ancora, ma il nuovo governo sta cercando di fermare una situazione lasciata per molti anni del tutto fuori controllo. Come invece tuttora accade in Francia, dove il governo non vuole problemi coi pescatori e lascia che agiscano come delinquenti senza fermarli.

Questi pescherecci hanno rischiato molto con questo gesto, e probabilmente passeranno dei guai quando torneranno a terra visto che avete documentato tutto. Ma rende così tanti soldi, questa attività, da valere un simile rischio?
Certo, le forze dell'ordine stanno indagando e hanno raccolto sia le nostre testimonianze che quelle dei pescatori. Ma il fatto è che sì: intorno al tonno rosso e al pesce spada girano tanti soldi da rendere questi rischi accettabili. Guadagnano un sacco di soldi con questo tipo di pesca. Non è certo quella della sardina! D'altronde sono abituati a non subire conseguenze. Fanno tutto ciò che vogliono finché una organizzazione internazionale [come la loro - n.d.r] non si mette a fare le veci della polizia.

Un'ultima domanda: c'è niente che i governi possano fare sulla terraferma per contenere il fenomeno, non saprei, con un sistema di etichettatura per esempio?...
Tanto per cominciare potrebbero prevenire la pesca illegale distruggendo le spadare nei porti. Poi ci sono numerose altre tecniche di pesca del tonno e del pesce spada, come la mattanza o addirittura la pesca con l'arpione. Questo pesce sarebbe etichettabile e la sua pesca sostenibile.

 

*Oceana è una organizzazione internazionale per lo studio e la protezione dei mari.

 

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
[an error occurred while processing this directive]
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""