sponsored By
FONDAZIONE SIGMA-TAU

cerca su moebiusonline

 
powered by Google


ultime notizie

  • Virgo entra in azione
    L'interferometro VIRGO entra in azione e comincia la sua raccolta dati sulle onde gravitazionali. Qui il servizio sul blog di Moebius, con l'intervista a Federico Ferrini (direttore dello European Gravitation Observatory)
  • Le leggi della Robotica di Asimov
    Giulio Sandini (direttore del dipartimento di Robotica, Scienze Cognitive e del Cervelo dell'IIT) spiega a Moebius, su Radio24, le tre leggi della robotica di Isaac Asimov
  • Intelligenza Artificiale
    È nato il nuovo programma della redazione di Moebius e Triwù, condotto da Federico Pedrocchi: in onda il sabato alle 14 e la domenica alle 18.50, affronteremo tutte le complesse dinamiche in gioco nella relazione tra uomo e macchina

notizie recenti


 


I servizi e le interviste
di Moebius


Un'alga che s'illumina


 
   
 

a cura di Mariachiara Albicocco e Federico Pedrocchi

Accendere e spegnere la luce, un gesto facile, che noi compiamo decine di volte ogni giorno... pensate ora di far luce utilizzando, anzichè una lampadina tradizionale, un'alga. Sì, sì, proprio una varietà di alga che, grazie ad un interruttore genetico, si accende ed emette luce.
Qual è il meccanismo che permette questo fenomeno? Lo chiediamo a Giovanni Giuliano dell'ENEA, Ente per le Nuove Technologie L`Energia e l`ambiente presso il centro di ricerca Casaccia a Roma.

Ascolta l'intervista a Giovanni Giuliano



Scarica file audio in mp3

La ricerca
Nei laboratori di Biotecnologie dell’ENEA (Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente) è stata ottenuta una nuova varietà della microalga Chlamydomonas, che può illuminarsi e spegnersi grazie all’aggiunta di sali al mezzo di coltura.
I ricercatori dell’ENEA hanno trasferito in questa alga di acqua dolce, che diversamente da altre alghe marine non ha luminescenza propria, il gene della luciferasi, che rende luminescente la “Renilla” (un’alga conosciuta come viola marina). Questo gene viene attivato da una sorta di “interruttore genetico” (detto promotore) ottenuto con l’aggiunta di un sale comune al mezzo di coltura. Aggiungendo poi un secondo sale antagonista, l’alga si “spegne”, proprio come un interruttore della luce. La quantità di sali necessaria è bassissima, e quindi il costo è compatibile con grossi impianti di coltura.
Queste microalghe convertono l’energia solare con un’efficienza molto più alta delle piante terrestri e sono in grado di “fissare” la CO2 proveniente dagli impianti industriali, contribuendo ad una mitigazione dell’effetto serra e producendo biocombustibili innovativi: biodiesel e idrogeno.
Questa scoperta apre nuove prospettive nel campo delle energie rinnovabili, ed in particolare per la produzione di biocarburanti da microalghe coltivate su terreni di scarso valore agricolo, senza ripercussioni sul mercato dei prodotti alimentari.
I risultati del lavoro di ricerca sulle microalghe Chlamydomonas, condotto dal Gruppo del prof. Giovanni Giuliano, sono stati pubblicati da “Plos One”, rivista open access della Public Library of Science. La ricerca è finanziata del Ministero per l’Università e la Ricerca nell’ambito del progetto “Produzione Biologica di Idrogeno”.

20.09.08

 

 

 

    home   
 
 
MOEBIUS VA IN ONDA SU
vai alle Trasmissioni
[an error occurred while processing this directive]
Inserisci titolo 1

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 2

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""

Campagna 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona il pannello da angolo in alto a sinistra
2) seleziona "MostraPannello" nella finestra degli stili CSS

Inserisci titolo 3

Inserisci contenuto e ricorda:
1) seleziona tag DIV
2) metti display a ""